Light Painting - La luce diventa immagine


La luce pennellata (in inglese ligth painting) è una tecnica di illuminazione che può essere utilizzata in un ambiente (quasi) al buio e consiste nel dipingere mediante una fonte artificiale di luce, il soggetto da fotografare come si utilizzasse un pennello!

Attenzione : sebbene la tecnica abbia origini molto antiche (vedi ad esempio Man Ray - Picasso) è stata abbandonata diverse volte nel corso del 900 .
Oggi questa è una tecnica di illuminazione veloce che ha costi irrisori  e , grazie alle nuove tecniche digitali, i risultati sono subito verificabili permettendo di dare un connotato del tutto personale alla fotografia.

Questo Blog è rivolto a:

i fotografi d'esperienza cioè quelli che hanno iniziato prima del 2003/2004, continuate a leggere perché le cose sono veramente cambiate!

i nuovi fotografi, fotoamatori, grafici , art director che non conoscete la tecnica o forse ne avete solo sentito parlare, questa modo di illuminare Vi potrà dare molte soddisfazioni sia personali che lavorative.

Cosa serve per cominciare?:

Operatività :

La prima cosa da fare è costruire la scenografia dal piccolo al grande. Facciamo l’esempio di un vaso di fiori con delle rose rosse e bianche, un contenitore in vetro o ceramica, un fondo di qualsiasi tipo.

Una volta composta la scena facciamo uno scatto generale per vedere che la composizione "ci piaccia" e facciamo una stampa della scena. Per comodità io suddivido la scena in tante zone o quadrati e cerco di immaginare che cosa devo evidenziare con la mia luce, allo stesso modo in cui i pittori facevano e fanno per dipingere un quadro.
Esaminiamo poi con attenzione i colori , la loro intensità , l’assorbimento della luce ... ( i colori scuri hanno bisogno di più luce, i colori chiari di meno).

Poi al buio proviamo ad effettuare uno scatto illuminando i punti “ critici , cercando di memorizzare la distanza con cui teniamo la lampada, quanti secondi restiamo sul punto, la velocità di passaggio.
Sembra difficile ma con un po’ di scatti riuscirete a capire tutti i parametri. Annotateli sulla stampa generale quando siete soddisfatti del risultato ottenuto.

Quando siete stanchi potete interrompere basta ricordarsi dove si è rimasti. Al massimo se la fotocamera non è fornita di multi scatto effettuerete un’altra immagine che mediante il livelli di Photoshop andrete a fondere.

Perché tanti fotografi degli anni 80/90 si sono stancati di questa tecnica’ ???

Oggi in pochissimo tempo riuscirete ad ottenere delle immagini uniche e soprattutto potrete effettivamente firmare con la luce ;-).

Dipingendo avete la possibilità di mettere in risalto o di mettere sottotono delle parti della vostra scenografia.

Vedi esempi di seguito del Fotografo Sergio Vollono

 

Ciò che rende le immagini realizzate con questa tecnica uniche nel loro genere è la sensazione di dinamismo che la luce “viva “ sa dare; la luce accarezza gli oggetti esaltandone i colori in maniera assolutamente unica, evidenziando le forme!

A proposito di Sergio Vollono per chi non lo conoscesse è un fotografo che abita nella mia città ( Padova ) e che ho conosciuto casualmente tramite Web.
Sergio è uno che è stato "folgorato" da un fotografo poi diventato amico (Roberto Traina) che in un anno ha prodotto in fotografia pennellata i sette vizi capitali. Ragazzi andate a vedere cosa è riuscito a fare questo fotografo!

Ebbene da queste considerazioni è nata questa collaborazione!

Sergio ha programmato un workshop sul tema della luce pennellata "Light Up the Darkness"…in programma il prossimi 21-22 novembre nel quale io faro' delle incursioni da "fotografo pubblicitario" per coinvolgere i partecipanti nelle possibili applicazioni di questa tecnica dimenticata!

Se scorrete le mie immagini troverete il 99% di immagini non pennellate. e solo poche campagne in cui ho usato questa tecnica proprio per le difficoltà che si potevano riscontrare all'epoca!

Cosa rende questa Tecnica oggi Unica?

A che cosa serve questa tecnica se io faccio foto di matrimoni?

Pochi giorni fa mi sono imbattuto in un fotografo di matrimoni a cui stavo spiegando a parole della luce pennellata..
Il fotografo mi ha chiesto: "ma a me che mi serve visto il lavoro che faccio??" Lì per lì mi è venuta spontanea la risposta .. Fai una foto in studio delle due mani degli sposi con a fianco un piccolo bouquet e le fedi ben in vista e scatti in luce penellata.. Avrai la copertina dell’album che nessuno al mondo la potrà fare uguale… silenzio .. ma quand’è il Ws .. ci vengo subito!!!!!

A chi si rivolge questo corso?:

  1. Ai fotografi professionisti ( specialmente quelli che hanno iniziato l’attività dopo il 2000 ;-) )
  2. Ai “vecchi” fotografi che possono riscoprire un modo di fotografare antico rivisto con le tecniche attuali. ( in poche parole .. quelli che si sono rotti le scatole tra gli anni 80/90 a provare e hanno buttato via tutto )
  3. Ai fotoamatori un po’ evoluti che vogliono fare delle nuove esperienze di luce .
  4. Ai Grafici , agli art director per avere nuovi spunti per pensare e creare qualcosa di un po’ particolare :: ))

Vi ho raccontato in breve la luce pennellata ..
Venite al corso passeremo 2 giornate che vi arrichiranno dentro, trascorreremo delle ore bellissime in un ambiente che respira fotografia!! Clicca qui!

Stampa

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn